News

Glicemia? Addio aghi. Ora si misura con un cerotto da polso

Glicemia? Addio aghi. Ora si misura con un cerotto da polso

01 Maggio 2018

Chi soffre di diabete sa quanto è problematico misurare il tasso glicemico prelevandosi autonomamente, con un piccolo ago, una goccia di sangue. Ora però dall’Inghilterra, più precisamente dall’University of Bath, sta per arrivare un cerotto da polso destinato a rivoluzionare i metodi attuali di misurazione della glicemia. Scopriamo di più.

La glicemia nei soggetti diabetici

Le persone diabetiche hanno la necessità di misurare costantemente il tasso di glicemia presente nel corpo. Il loro organismo, infatti, non riesce autonomamente a modulare la quantità di zucchero nel sangue e per questa ragione è fondamentale utilizzare farmaci specifici che mantengano la concentrazione di glucosio nel sangue all’interno di un determinato range. Attualmente, per effettuare questa misurazione è necessario eseguire un test ad aghi che, seppur di rapido effetto, per molte persone risulta essere particolarmente fastidioso, vista l’invasività e la ripetitività del test durante l’intera giornata.

Come funziona l’innovativo cerotto glicemico

Il cerotto ideato oltremanica è un misuratore glicemico che si applica comodamente al polso del paziente e che, nel giro di 15 minuti, è in grado di determinare la concentrazione di zuccheri nel sangue. Come? Sfruttando lo zucchero presente nei fluidi sottocutanei: i microsensori presenti sulla superficie del cerotto, attraverso piccole scariche di corrente, richiamano questi fluidi. Così facendo è possibile stabilire il tasso glicemico del soggetto, senza più buchi e aghi.

Nonostante il cerotto da polso per misurare la glicemia sia ancora in fase di test, i ricercatori auspicano di lanciarlo sul mercato in tempi brevi, integrandolo anche con tecnologie digitali come un app per smartphone, per tenere traccia rapidamente e in modo automatico dell’andamento glicemico giornaliero.
Cibi brucia grassi: ecco la dieta per rimettersi in forma

Cibi brucia grassi: ecco la dieta per rimettersi in forma

24 Aprile 2018

I pantaloni primaverili tanto amati fanno fatica ad abbottonarsi? E' tempo di rimettersi in forma, inserendo nella vostra dieta quotidiana tanti cibi brucia grassi.

La sola attività fisica, infatti, spesso non basta per ridurre il girovita. Per poter ritrovare il peso forma, quindi, anche l'alimentazione deve essere curata nei minimi particolari.

Come tornare alla silhouette perfetta? Con una dieta ipocalorica, da seguire almeno fino all'estate, e portando sin da subito in tavola cibi in grado di accelerare il metabolismo e favorire il dimagrimento.

Quali cibi preferire? Le categorie all'interno delle quali scegliere sono frutta, verdura, fibre e cereali, ideali per raggiungere velocemente il senso di sazietà.

Ecco i cibi più efficaci per tornare in forma:

- la lattuga, ricca di acqua, rallenta la fame, riempiendo velocemente lo stomaco;

- l'aceto di mele, un concentrato di acido acetico, attiva il metabolismo e brucia rapidamente i grassi;

- il peperoncino, che stimola la reazione termogenica grazie alla sua nota piccante, stimolando il metabolismo;

- il pompelmo, una frutta dal bassissimo apporto calorico che regala un immediato senso di sazietà e blocca la fame;

- l’ananas, in grado di inibire l’assorbimento dei grassi e facilitare la funzione drenante del corpo.

Grazie ad un costante esercizio fisico e ad una dieta ipocalorica e ricca di cibi brucia grassi, potrete dire definitivamente addio ai chili di troppo. Ma non è tutto: sfruttando l’azione di integratori alimentari ricchi di vitamine, disponibili in farmacia, aiuterete il vostro corpo a perdere peso ancora più rapidamente.

Chiedete consiglio al vostro medico o farmacista di fiducia per scegliere i prodotti più adatti a voi, per tornare in forma con regolarità e in salute.

La pianta che può contrastare l’AIDS arriva dalla Sardegna

La pianta che può contrastare l’AIDS arriva dalla Sardegna

21 Aprile 2018

Si chiama Hypericum scruglii, meglio conosciuta come Iperico di Scrugli: la pianta erbacea perenne che caratterizza gran parte della vegetazione sarda, potrebbe rappresentare la nuova frontiera per la lotta all’AIDS, una delle malattie più diffuse al mondo. A dirlo è lo studio condotto da alcuni ricercatori all’Università di Cagliari, pubblicato sulla nota rivista scientifica PlosOne.

Gli esperti hanno scoperto che l’Iperico di Scrugli, già ampiamente utilizzato nella medicina tradizionale, sarebbe in grado di bloccare gli enzimi che consentono al virus HIV-1 di replicarsi. Per questa ragione, la pianta sarda potrebbe essere utilizzata per fermare l’avanzare delle cellule infette nel corpo, affiancandosi alle attuali cure farmacologiche per i pazienti sieropositivi.

I risultati della ricerca fanno ben sperare: gli scienziati, infatti, hanno verificato che l’Hypericum scruglii riuscirebbe a ridurre sensibilmente la concentrazione degli enzimi chiave dell’HIV-1.

Le evidenze raccolte in laboratorio aprono grandi prospettive per i 35 milioni di persone nel mondo che, stando ai dati dell’OMS, sono colpite da questa malattia. Speranze fortunatamente non isolate: non è la prima volta che una ricerca di estrazione naturale dimostra le potenzialità di inibizione della replicazione degli enzimi alla base del virus.

Nel 2014, ad esempio, i ricercatori tedeschi dell’Helmholtz Zentrum München avevano verificato le capacità del geranio di bloccare la proliferazione dell’HIV nelle cellule del sangue e del sistema immunitario.

Un’ulteriore dimostrazione che conferma come gli estratti naturali applicati alla medicina possono rappresentare la vera svolta per la scoperta di nuove soluzioni, meno invasive e pesanti per il corpo, per tutti i pazienti che convivono quotidianamente con il virus dell’HIV.
Vai a letto tardi? Attento alla salute

Vai a letto tardi? Attento alla salute

19 Aprile 2018

Se la sera non riuscite proprio a prendere sonno e solo a tarda notte vi convincete ad andare a dormire, la vostra salute potrebbe risentirne.

Lo dice una recente ricerca condotta dall’Università del Surrey insieme alla Northwestern Medicine che hanno osservato per sei, lunghi, anni il comportamento di pazienti compresi tra i 38 ed i 73 anni.

Atteggiamenti sotto la lente d’ingrandimento, chiaramente, le abitudini del sonno: l’orario scelto per andare a dormire, lo stile del riposo, l’orario di sveglia.

La ricerca ha confermato quello che già si sapeva – andare a letto tardi può provocare disfunzioni metaboliche e malattie cardiovascolari – aggiungendo un nuovo, preoccupante, dettaglio: chi va a dormire a tarda notte aumenta del 10% il rischio di morte prematura.

La causa? Un orologio biologico mai sincronizzato con il mondo esterno, un conseguente stress psicofisico e un maggiore sforzo per stare al passo con l’energia di chi, invece, ha riposato.

Dormire bene si può: ecco i rimedi in farmacia

Regolare il ciclo di sonno e veglia è fondamentale per equilibrare l’organismo e affrontare la giornata con la giusta lucidità.

Se faticate a prendere sonno e, quindi, tendete a posticipare l’orario del riposo, provate alcuni semplici rimedi: prima di andare a letto areate la stanza, facendo entrare aria fresca e pulita, un’ora prima del sonno evitate schermi e device hi-tech e non esponetevi a fonti di luce artificiale.

Per favorire il giusto bioritmo, poi, chiedete consiglio al vostro farmacista: sono numerosissimi i prodotti completamente naturali che possono aiutarvi concretamente a prendere sonno al giusto orario. Come la melatonina o le formulazioni rilassante composte da piante officinali come valeriana, melissa e passiflora.

Vitamina B3: l’arma vincente contro l’invecchiamento

Vitamina B3: l’arma vincente contro l’invecchiamento

17 Aprile 2018

Diciamoci la verità: siamo tutti alle prese con una costante lotta contro il tempo.

Cerchiamo di rallentare l’invecchiamento, di contrastare la formazione di radicali liberi, di rimanere giovani e sani il più a lungo possibile.

Per riuscirci, ogni giorno mettiamo in campo diverse strategie: una dieta equilibrata e povera di grassi saturi, un po’ di movimento sotto controllo medico, un supporto specifico dalle vitamine.

Tra queste, preparatevi ad una novità: una ricerca condotta dall’Università del Colorado ha dimostrato che la vitamina B3 – nicotinamide riboside – è uno degli ingredienti naturali più potenti per frenare il processo di degenerazione cellulare e per vivere più a lungo.

Quali sono i benefici di un’assunzione costante di vitamina B3?

Eccone alcuni:

  • La vitamina B3 garantisce una migliore pressione sanguigna, preziosa per tutti e in particolare per i pazienti che soffrono naturalmente di ipertensione;
  • Grazie alla vitamina B3 l’efficacia dell’attività fisica è potenziata e i risultati si mantengono più a lungo;
  • Gli studi dimostrano che la vitamina B3 è una potente alleata del benessere del nostro cervello;
  • Assumere nicotinamide riboside aiuta a ridurre concretamente il colesterolo e a contenere i trigliceridi alti, contrastando i rischi legati ad un’alimentazione ricca di grassi.

Dove si può trovare la vitamina B3?

Per fare il pieno di nicotinamide riboside portate in tavola salmone, tonno, acciughe, legumi e tanta verdura a foglia verde.

Tuttavia, per essere sicuri di assumerne ogni giorno una quantità rilevante, utile per contrastare efficacemente l’invecchiamento, è consigliabile prendere integratori specifici ricchi di questo ingrediente.

Chiedete consiglio al farmacista di fiducia: saprà indicarvi il prodotto giusto per le vostre esigenze.

Le vitamine che migliorano la fertilità maschile

Le vitamine che migliorano la fertilità maschile

14 Aprile 2018

Avete in programma un bebè?

Allora è tempo di prendervi cura della salute della vostra fertilità.

Un compito suggerito non solo alle donne – che in previsione di una gravidanza devono iniziare a condurre uno stile di vita sano e ad assumere acido folico – ma anche agli uomini.

Sempre più ricerche, infatti, riflettono una condizione maschile in difficoltà sotto il profilo della fertilità: i ritmi frenetici, l’abuso di alcool, caffè e fumo e un’età media elevata possono ridurre la fecondità maschile, impattando sulla quantità e sulla qualità dello sperma, e rendendo più complesso il concepimento.

Se desiderate un figlio, quindi, chiedete consiglio al medico curante o al farmacista: sapranno indicarvi i migliori prodotti naturali per aumentare, senza rischi, la vostra fertilità.

Tra i rimedi green più efficaci citiamo:

  • Vitamine del gruppo E: un vero toccasana per migliorare la reattività degli spermatozoi e facilitare la fecondazione dell’ovocita;
  • Coenzima Q10: lo sentiamo spesso nominare come un potente antirughe, ma il suo potere antiossidante si estende anche alla fertilità. Nello specifico questo ingrediente tutto naturale rende lo sperma più dinamico e scattante;
  • Omega 3: gli acidi grassi “buoni” sono tra i prodotti naturali più efficaci per aumentare la qualità dello sperma, per incrementarne la concentrazione e la motilità, oltre che per ridurre il rischio di malformazioni. Se insieme alla vostra compagna state progettando di allargare la famiglia, quindi, assumete entrambi integratori di DHA: nell’uomo migliorano la salute degli spermatozoi, mentre nella donna sono un alleato prezioso per il corretto sviluppo del feto;
  • Zinco: questo elemento protegge la salute dell’apparato riproduttivo nel suo complesso e mantiene in salute il liquido seminale. Un vero alleato per i futuri papà!

Auguri!

Cerotti kinesio taping: cosa sono e a cosa servono?

Cerotti kinesio taping: cosa sono e a cosa servono?

12 Aprile 2018

Vi sarà certamente capitato di vederli: colorati, elastici e amatissimi dagli sportivi, i cerotti kinesio taping stanno spopolando.

Quanti di voi, però, sanno cosa sono quegli strani tessuti sottili che si applicano sui muscoli? Scommettiamo pochissimi: e allora facciamo un po’ di chiarezza.

Che cosa sono i cerotti kinesio taping

Sono semplici cerotti elastici e non medicati, realizzati in tela di cotone traspirante e adesiva. Si applicano sulla pelle seguendo la lunghezza dei tendini e dei muscoli proprio per tutelarne il movimento e per proteggerne la contrazione e l’estensione.

Perché hanno diversi colori?

Spesso il colore del nastro elastico è un semplice vezzo estetico dello sportivo.

Tuttavia, in alcuni casi i colori dei tessuti kinesio taping possono indicare quanto sono resistenti e quanto sono elastici. In altri casi, poi, ai colori dei cerotti elastici è riconosciuta una particolare virtù di cromoterapia.

A cosa servono i cerotti kinesione taping?

Le due principali funzioni dei cerotti kinesio taping sono quella stabilizzante e quella drenante: la prima è utile per contenere la zona infiammata e stabilizzare le articolazioni durante lo sforzo e il movimento, la seconda per trattare edemi, ematomi e contusioni.

In quali casi non vanno applicati?

I cerotti kinesio taping non hanno particolari controindicazioni. Per aumentarne l’efficacia, però, abbiate cura di non applicarli sulla pelle lesionata, poiché il prodotto non è sterile, sui peli e sulla cute trattata con prodotti oleosi, per non comprometterne l’aderenza e quindi la funzionalità. Ricordate, infine, che questi cerotti vanno applicati da personale medico specializzato, per seguire le linee dei muscoli e dare reale sollievo.

Tendinite: cosa fare per guarire?

Tendinite: cosa fare per guarire?

10 Aprile 2018

Una contusione, una posizione scorretta, un movimento inconsulto o uno sforzo prolungato: sollecitare troppo un tendine può provocarne l’infiammazione.

È così che, in un batter d’occhio, potreste avvertire una fitta di dolore in corrispondenza di un’articolazione, sia durante il movimento che a riposo: può trattarsi di tendinite, una patologia diffusa ma da non trascurare. La tendinite, infatti, peggiora con l’incuria e con il movimento, rischiando di acutizzare il dolore e di prolungare il periodo di decorso.

Come curare la tendinite, per un primo sollievo?

Se sospettate una tendinite, la prima regola è quella di consultare il medico e farvi consigliare la terapia più adatta.

Solitamente – ma non sempre – i trattamenti per risolvere una tendinite sono:

  • RICE: dall’inglese Rest (riposo), Ice (ghiaccio), Compression (bendaggio stretto) ed Elevation (sollevamento dell’arto). Questa prima soluzione è tanto semplice quanto efficace. Mettete subito a riposo la parte dolorante e fate impacchi di ghiaccio da 15 minuti durante la giornata. Bendate la zona e tenetela spesso alta per favorire la riduzione del gonfiore.
  • Arnica: chi predilige i trattamenti green può contare su questa pomata antinfiammatoria, particolarmente efficace negli eventi traumatici su ossa, muscoli e articolazioni. L’arnica è quindi utile anche nei casi di tendinite, specie se associata al giusto riposo della zona colpita dall’infiammazione.
  • Farmaci antinfiammatori: per sfiammare e contrastare il dolore, il medico potrà prescrivervi anche dei FANS – farmaci antinfiammatori non steroidei – da assumere per bocca o da applicare sotto forma di gel o cerotti.

Con la giusta cura farmacologica e il corretto riposo, dopo 2 settimane dovreste apprezzare un sensibile miglioramento della tendinite.

Se così non fosse consultate nuovamente il medico: possono essere necessari approfondimenti.

Celiachia: i 3 sintomi da non sottovalutare

Celiachia: i 3 sintomi da non sottovalutare

03 Aprile 2018

Secondo il Ministero della Salute la celiachia è in aumento: si parla di oltre 15 mila nuovi casi diagnosticati ogni anno, per un totale di quasi 200.000 italiani affetti da questa patologia.

E tanto altro, sempre secondo le indagini ministeriali, è ancora sommerso: sarebbero quasi mezzo milione, infatti, i connazionali che, inconsapevolmente, sono intolleranti al glutine e non lo sanno.

Ma quali sono i campanelli d’allarme che possono farci sospettare la presenza di celiachia?

Eccone 3 da non sottovalutare.

  1. Attenzione al gonfiore addominale

Il primo sintomo di questa patologia è proprio il ventre gonfio e dolorante: il glutine introdotto all’interno dell’organismo di un celiaco è tossico e danneggia i rivestimenti dell’intestino. Se compaiono sempre più frequenti anche i casi di diarrea, poi, il rischio di celiachia potrebbe essere concreto.

  1. Siete dimagriti?

Il calo di peso potrebbe essere un segnale di celiachia: la reazione avversa dell’organismo al glutine, infatti, impedisce al corpo di assorbire molti dei principali nutrienti provenienti dal cibo, causando dimagrimento e iponutrizione.

  1. Sempre stanchi?

Se vi sentite spesso spossati e senza energia, potrebbe trattarsi di intolleranza al glutine: la debolezza costante, infatti, è un sintomo da non sottovalutare. Colpa dell’infiammazione continua, dello scarso nutrimento e della fatica dell’intero organismo, provato dallo stress psicofisico della condizione allergica permanente.

Se hai dubbi o vuoi saperne di più, parlane con il tuo medico e monitora attivamente il tuo stato di salute: in farmacia trovi dei comodi test di autodiagnosi per verificare, in modo semplice e veloce, se sei intollerante al glutine.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.